Il Garante privacy ha detto no al riconoscimento facciale in tempo reale

APProva di privacy – I suggerimenti del Garante

ads

Il 16 aprile 2021 il Garante della Privacy dichiara non conforme il sistema di riconoscimento facciale in termpo reale (Sari Real Time) utilizzato dalla polizia ma non ancora attivo.

Il sistema attraverso una serie di telecamere installate in una determinata area geografica, sarebbe in grado di analizzare in tempo reale i volti dei soggetti ripresi, confrontandoli con una banca dati predefinita (denominata “watch-list”)

download: pdf parere

fonte: Garante della Privacy

ads
ads

You may like

Hot Videos
ads
In the news
Load More
ads